IL BINGE-EATING

abb

“Non muovere mai l’anima senza il corpo,
né il corpo senza l’anima,
affinché difendendosi l’uno con l’altra,
queste due parti mantengano il loro equilibrio
e la loro salute”
Platone

Secondo il DSM-5, la caratteristica principale del disturbo da binge eating è rappresentata da ricorrenti episodi di abbuffate che si verificano almeno 1 volta a settimana per 3 mesi. Questi non sono seguiti da condotte compensatorie inappropriate.

Per “abbuffata” si intende il mangiare in un determinato periodo di tempo (minore di 2 ore) una quantità di cibo significativamente maggiore rispetto a quella che la maggior parte degli individui mangerebbe nello stesso tempo e in circostanze simili.

Gli episodi di eccessivo consumo di cibo sono accompagnati dalla sensazione di perdere il controllo, come indica l’incapacità di astenersi dal mangiare o di smettere una volta iniziato. Alcune persone raccontano un senso di estraniamento durante o subito dopo l’abbuffata, altre un pattern più generalizzato di alimentazione incontrollata, altre ancora riferiscono di aver abbandonato gli sforzi per controllare la propria alimentazione. In alcuni casi, le abbuffate vengono pianificate.

Il tipo di cibo assunto è variabile e la caratteristica è soprattutto l’anomalia nella quantità di cibo consumato.

Gli episodi di abbuffata sono caratterizzati da marcato disagio e da almeno tre delle seguenti caratteristiche: mangiare molto più rapidamente del normale, mangiare fino a sentirsi sgradevolmente pieni, mangiare grandi quantità di cibo anche se non ci si sente affamati, mangiare da soli per l’imbarazzo e sentirsi disgustati verso sé stessi, depressi o molto in colpa dopo l’episodio.

Tipicamente, le persone che soffrono di questo disturbo si vergognano e tentano di nascondere i loro problemi e sintomi. Le abbuffate di solito avvengono in solitudine e il più segretamente possibile.

L’antecedente di un’abbuffata è spesso un’emozione negativa. Altri fattori scatenanti possono essere: restrizione dietetica, noia, sentimenti negativi correlati al peso e alla forma del corpo, situazioni interpersonali stressanti.

Nel breve termine, le abbuffate possono minimizzare o attenuare le sensazioni sgradevoli che hanno scatenato l’episodio. Come conseguenze successive si presentano spesso autosvalutazione e disforia. Il cibo diventa uno scomodo alleato: consola nei momenti tristi e aiuta a tollerare le frustrazioni, ma lascia senso di colpa e disagio, passività e sconforto. La difficoltà nella gestione delle emozioni può portare a eccedere nell’alimentazione. Le abbuffate possono diventare la risposta che placa il disagio.

Il disturbo da binge-eating si verifica in persone normopeso/sovrappeso e in persone con obesità. A quest’ultima il disturbo può associarsi, ma se ne distingue per diverse caratteristiche. Rispetto agli individui obesi di pari peso, persone con il disturbo consumano più calorie e mostrano una minore qualità di vita e un maggiore disagio soggettivo.

Le linee guida indicano la necessità di un approccio multidisciplinare che coinvolga psicoterapeuta, medico nutrizionista e, talora, psichiatra. La Terapia Cognitivo Comportamentale sembra essere il trattamento con maggiori evidenze nella remissione dei sintomi e degli eventuali disturbi psicopatologici associati. Inoltre, può risultare efficace utilizzare un adattamento dello skills training della DBT (1993) per incrementare la regolazione delle emozioni.

 

Dr.ssa Cecilia Dionisi, Psicologa-Psicoterapeuta

Bibliografia

  • American Psychiatric Association (2013). Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition. Tr. it. Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, DSM-5, Raffaello Cortina, Milano (2014)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...